Anima tutta fuoco

Per parlare dell’Ariete partirò da Charles Baudelaire. Molte di voi avranno certo sentito parlare di lui. E’ l’autore de “I fiori del male” (Les fleurs du mal), una delle raccolte di poesie più famose di tutti i tempi.

Lui è il prototipo del “poeta maledetto”, il precursore di tutti coloro che hanno cercato e cercano “una vita spericolata” alla Vasco Rossi, e quindi, ad esempio, di tutti i rocker “maledetti” come Jim Morrison o Kurt Kobain e di tutte le rocker maledette come Janis Joplin o Amy Whinehouse… Un grande poeta, quindi, e un personaggio che ha influito tantissimo sul nostro costume e sulla nostra cultura.

Ecco insomma, Baudelaire era un Ariete tipico ed esprimeva in pieno l’atteggiamento passionale e tormentato che spesso caratterizza questo segno. La sua vita fu tutta “tormento ed estasi”, fu un’altalena continua di gioie e dolori vissuti al fine di provare quelle grandi emozioni che potessero soddisfare la sua voglia di vivere intensamente.

S’innamorò perdutamente di una specie di escort dell’epoca, che oltretutto era mulatta, e che quindi era una donna “proibita” per un borghese ricco e raffinato come lui. Ma Charles perse ugualmente la testa per lei, proprio perché Jeanne – così si chiamava – gli regalava un’altalena continua di grandi emozioni e di laceranti dolori.

Le dedicò tante bellissime poesie, in cui esprimeva il suo amore nei suoi confronti e la rabbia per la sua infedeltà.

Per farvi capire che tipo di rapporto viveva con lei, vi metto qui l’inizio di una di queste poesie, forse la più famosa tra tutte:

“Tu metteresti l’universo intero nel tuo letto,

o donna impura! La noia rende la tua anima crudele. 

Per esercitare i tuoi denti a questo strano gioco, 

hai bisogno ogni giorno di un cuore sulla griglia…”

Charles Baudelaire il “poeta maledetto”
Charles Baudelaire il “poeta maledetto”

Bene, tutta questa introduzione è per farvi capire in partenza che in fondo all’Ariete piace soffrire, e soprattutto piace soffrire per amore. L’Ariete – maschio o femmina che sia – si butta a corpo morto nella passione; senza limiti e senza paura. Si può dire che “ama amare”, e lo fa quasi sempre in modo passionale e sfrenato.

Questo atteggiamento è abbastanza tipico di tutti i segni di fuoco (Leone e Sagittario), ma nell’Ariete si manifesta in modo addirittura eccessivo, tanto che spesso gli appartenenti a questo segno si “bruciano” – come fece appunto Baudelaire – nelle passioni che vivono.

Questo è il loro gusto, questa la loro scelta. Non stanno mai lì a calcolare mosse o strategie, sono sinceri, puri e si danno totalmente alla persona che amano.

Per questo a volte, come si usa dire quando si parla di loro, si “spaccano le corna” in rapporti con persone più calcolatrici e meno romantiche di loro.

Certo, di fronte alla purezza dell’Ariete, di fronte al suo buttarsi senza freni nell’amore, qualsiasi cuore, anche il più duro e insensibile, si scioglie.

Se vi lascerete andare alla passione che lui ha per voi, dunque, rischierete di essere travolte e di essere quasi costrette a darvi anche voi del tutto a lui, come lui si è dato a voi.

Con l’Ariete insomma non si può “giocare”: se lo si conquista, infatti, si rischia di farlo soffrire troppo; e se ci si fa conquistare, si è quasi obbligate a darsi del tutto a lui.

SESSO SENZA LIMITI, RIGORE MORALE E INTUITO.

Questo mood, questo atteggiamento verso l’amore, è l’essenza dell’Ariete, l’anima. Poi ci sono gli altri aspetti della sua personalità.

Prima di tutto l’eros. Buttandosi nelle passioni, l’Ariete si butta anche nel sesso e quindi, essendo disposto a tutto anche in quel campo, è un amante disponibilissimo e sempre pronto al piacere. Se il partner lo guida e lo stimola in questo campo, è disposto a seguirlo anche in capo al mondo, e a ricambiare in pieno la sua voglia di “sperimentare”.

Poi c’è la sua correttezza, che sconfina spesso in un vero e proprio rigorismo morale. Di solito gli Arieti sono severi con se stessi e si sentono a loro agio solo con le persone totalmente oneste e rispettose degli altri. Vedendo e constatando in chi sta intorno a loro atteggiamenti poco corretti, soffrono e tendono a non accettare la situazione. Con gli Arieti dunque è sempre bene non sgarrare, perché, se lo fate, dopo aver sofferto constatando le vostre “mancanze”, cominceranno ad allontanarsi da voi, almeno con l’anima.

Spesso questa sua intransigenza morale rischia di diventare moralismo, e quindi una forma di rigidità, che, oltre a mettere in imbarazzo chi è in contatto con lui, mette a disagio l’Ariete stesso. L’unico modo di sciogliere questa rigidità è la comprensione e la dolcezza. Meglio cercare di convincerlo in modo dolce e scherzoso, piuttosto che contrapporsi in modo duro alla sua intransigenza.

Un altro aspetto importante nell’Ariete è la sua capacità di intuizione.

Tende a comprendere le cose al di là della razionalità, con delle illuminazioni improvvise, che gli fanno intuire al volo l’essenza della realtà. E’ un approccio alla comprensione tipico degli artisti e non a caso grandi artisti come Leonardo da Vinci, Raffaello Sanzio, Van Gogh e Sebastian Bach erano dell’Ariete. Restando all’attualità, non è un caso che siano dell’Ariete vari grandi cantautori che spesso sono dei veri poeti, come Francesco De Gregori, Franco Battiato e Cesare Cremonini.

GLI INCASTRI GIUSTI E QUELLI DIFFICILI

L’Ariete  è il segno cardinale di Fuoco e nasce all’inizio della primavera, incarna dunque l’energia primigenia e sorgiva della natura, quella ancora selvaggia e incontrollata, per cui è il segno più impulsivo dello zodiaco.

Egli ha bisogno quindi di avere accanto segni forti e sicuri, come ad esempio il Toro e l’Acquario. Entrambi sono segni fissi e con la loro sicurezza e la loro stabilità possono riuscire a controllare l’energia impulsiva dell’Ariete; possono costringerlo a dominarsi e ad abbandonare gli atteggiamenti più irrazionali e autodistruttivi.

Il Toro, ad esempio, riuscirà con la sua maestria erotica e sessuale a soddisfare la voglia d’amore dell’Ariete, facendogli sfogare la passione nel sesso e nel piacere. E inoltre, con il suo appoggio stabile, lo aiuterà a sfogare le sue passioni con un po’ di prudenza in più, senza rischiare di “bruciarsi” o di “spaccarsi le corna”.

Anche l’Acquario, con la sua sicurezza di sé e la sua lungimiranza costruttiva, costituirà una valida sponda per l’incontrollabile anima degli Ariete.

Buono poi, come sempre, l’incastro con gli altri segni dello stesso elemento. Soprattutto con il Leone, che condivide con lui la forte impulsività. Le unioni tra segni di fuoco tendono spesso ad essere un po’ pazze, piene di svolte improvvise e di colpi di scena: sia per quanto riguarda gli aspetti pratici della vita (partenze improvvise per “viaggi d’amore”, organizzazione fulminea di eventi eccezionali, come l’acquisto di regali costosi o le cene a lume di candela in ristoranti chic); sia per quanto riguarda gli aspetti sentimentali e spirituali (promesse di amore eterno o improvvisi amplessi pieni, appunto, di fuoco).

Infine c’è ovviamente l’incontro controverso col suo segno opposto, la Bilancia. Tra i due segni c’è un incontro fuoco-aria e quindi si vola abbastanza in alto, tendendo ad allontanarsi dalla terra e quindi dalla realtà. La Bilancia è misurata ed esteta, quindi meno passionale dell’Ariete, comunque, se trascinata, può volare molto in alto e trascinare a sua volta l’Ariete. E’ una unione un po’ forte, dunque, come succede per tutti gli incontri tra segni opposti.

Difficile invece l’incontro con segni un po’ calcolatori, come il Gemelli e lo Scorpione. Essi, con il loro atteggiamento distaccato e indecifrabile, tendono a tenere leggermente a distanza gli altri e quindi  creano nell’Ariete una certa diffidenza che non gli permette di essere se stesso.

Classici esempi attuali di maschi Ariete sono gli attori Alessandro Preziosi e Silvio Muccino. Entrambi un po’ tenebrosi e in qualche modo introversi e chiusi in se stessi, ed entrambi sempre a loro agio nell’ interpretare ruoli romantici e passionali.

P.S. Questa è la mia interpretazione dell’Ariete. Ricordatevi però che l’astrologia non è una scienza, è più un gioco di simboli che non va mai preso alla lettera.

Inoltre nell’astrologia le varianti sono infinite e oltre all’influsso del segno di nascita esistono altri influssi, come quello dell’ascendente, che possono cambiare il quadro della situazione.

Un Ariete ascendente Toro, per esempio, avrà un’emotività molto più  controllata rispetto alla media degli Arieti, e non indulgerà facilmente ad azioni eccessivamente impulsive.

Inoltre l’influsso degli astri si mescola con gli influssi sociali, familiari ed esistenziali, che possono modificare sensibilmente le condizioni caratteriali di partenza.

Voglio dire: se conoscete un uomo dell’Ariete che non corrisponde alla descrizione che ho fatto, non vi meravigliate troppo e non lo inquadrate per forza con le caratteristiche che ho illustrato in questo articolo.

Condividi
Articolo precedenteIl Tradimento: l’altra faccia dell’amore?
Prossimo articoloCome capire se un uomo è interessato a te in 3 settimane (e non soltanto a fare sesso)
Armonia ama l’amore e ha un'azione trascinante sugli altri grazie al suo innato ottimismo e all'atteggiamento fiducioso che ha verso la vita e verso gli uomini. Seguimi e ti coinvolgerò nell’euforia della mia positività. Darai così una svolta alla tua esistenza e ti sentirai in perfetta armonia con l’universo dell’altro sesso. Sarai una amante equilibrata e allo stesso tempo sfrenata! Armonia non sopporta la donna insicura, diffidente e che si piange addosso. Voglio salvarvi da questo vortice di negatività dove vi siete rifuggiate per paura di soffrire. Vivere è sperimentare quindi non restate immobili a meditare sul senso della vita. Vivete la vita amandola e tutto sarà più facile. La mia frase: l'amore non si vanta, non si comporta in modo sconveniente e non cerca il proprio interesse, ma gioisce con la verità: tutto crede, tutto sopporta, tutto spera!

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here